Al via il sistema porta a porta a Bagni di Lucca, mentre nelle frazioni più piccole saranno installate le oasi ecologiche di Emanuela Ambrogi.

BAGNI DI LUCCA. Conto alla rovescia per l’avvio del nuovo sistema di raccolta dei rifiuti che l’amministrazione di Bagni di Lucca ha tolto a Sistema Ambiente per affidarlo alla nuova società “in house” del Comune. Le modalità del servizio sono state illustrate a tutti i delegati di zona in una riunione in Comune, e alle famiglie arriverà un depliant con tutte le spiegazioni. Intanto l’assessore Maurizio De Mattia spiega l’operazione nei dettagli.

Assessore quando partirà il nuovo sistema di raccolta?

«Il primo gennaio, in contemporanea sull’intero territorio del comune».

Dove si ritirano i bidoni e i sacchetti?

«Sarà fortinito per ogni abitazione un cestello/bidoncino marrone per la raccolta della frazione organica. Nei prossimi giorni organizzeremo l’inizio della distribuzione coinvolgendo anche i delegati delle frazioni. Gli altri tipi di scarti (vetro, plastica, carta e indifferenziato) saranno conferiti in sacchetti oppure esposti all’interno di secchi. Nelle frazioni di Fornoli, Ponte a Serraglio e La Villa avverrà un “porta a porta” classico con l’esposizione fuori dall’abitazione la sera precedente. Per le altre frazioni ci saranno delle oasi di raccolta nei diversi paesi. Nelle oasi sarà possibile conferire con questa cadenza: lunedì organico, martedì vetro, mercoledì plastica, giovedì organico, venerdì carta, sabato indifferenziato».

Ritiene sufficienti due raccolte settimanali per l’umido e una per vetro, plastica, carta e indifferenziato?

«È una formula già provata da altri Comuni. Con questa cadenza siamo sicuri di poter rispondere a tutte le esigenze del territorio».

Cosa cambia rispetto al servizio attuale?

«Il servizio sarà diviso in 2 tipologie: Fondovalle (Fornoli, Ponte a Serragliio e La Viila) e le altre frazioni. Nel Fondovalle l’umido dovrà essere messo fuori dall’abitazione nel bidoncino marrone la sera precedente al giorno di raccolta. I rifiuti dovranno essere all’interno di un sacchetto ben chiuso nel bidoncino. Per la plastica, dovrà essere esposto un sacchetto fuori dall’abitazione la sera precedente al giorno della raccolta. I contenitori possono essere raccolti e pressati anche all’interno di un secchiello. Stesso discorso per tutti gli altri tipi di rifiuto: vetro (in questo caso i contenitori possono essere raccolti anche all’interno di un secchiello o conferiti nei contenitori stradali presenti sul territorio), la carta e l’indifferenziato dovranno essere raccolti in un sacchetto ben chiuso e lasciato fuori dall’abitazione la sera prime del tipo di raccolta prevista. Nelle altre frazioni discorso analogo, con i rifiuti che dovranno essere separati, messi in contenitori ben chiusi, e portati alle isole ecologiche nei giorni in cui è prevista la raccolta dei diversi tipi di rifiuto».

Dove sono le isole ecologiche e quali orari hanno?

«Le oasi di raccolta saranno sempre disponibli e poste all’interno dei paesi di montagna di modo che non vi siano conferimenti indesiderati. Inoltre estenderemo l’orario di apertura della stazione ecologica di Lugliano in modo che sia maggiormente fruibile».

Quali vantaggi, anche di tariffa, ci saranno per gli utenti e quale risparmio per il Comune?

«La tariffa per i cittadini sarà congelata a quella del 2015, fermando i continui aumenti che da decenni hanno fatto lievitare i costi in bolletta. I risparmi che

saranno generati dalla gestione “in house”, oltre a garantire il posto per le nuove assunzioni previste, saranno reinvestiti sul territorio sotto forma di lavori utili. In questa maniera cercheremo di sopperire a parte dei tagli dei trasferimenti pubblici di cui i Comuni sono stati vittima».

10 dicembre 2015

Tratto dal sito: http://iltirreno.gelocal.it/lucca/cronaca/2015/12/10/news/bidoni-e-isole-cambia-la-raccolta-rifiuti-1.12597224

CONDIVIDI L'ARTICOLO SUI SOCIAL
Tags

2 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.